NUMERO 10 – SETTEMBRE 2022 – EDIZIONE SPECIALE

Tempo di lettura: 5 minuti

Dedichiamo questo numero di Persone, Ambiente e Territorio ad un evento a cui siamo lieti di invitarvi: “50 anni di grafica: dalle radici al futuro” che dal 23 al 25 settembre racconterà mezzo secolo di storia della grafica italiana, ed in particolare di Altini Comunicazioni Grafiche, storica azienda lainatese che Studio Muliari (con il supporto di Comune di Lainate, Museo della Stampa e CNOS-FAP) ha affiancato nella preparazione della manifestazione, mettendo così a disposizione la sua consolidata esperienza nell’organizzazione di eventi.

In cosa consiste l’evento

L’evento si concretizzerà in una mostra dal visitabile dal 23 al 25 settembre in Villa Litta, abbinata ad un convegno sulla storia ed il futuro della grafica che avrà luogo il venerdì pomeriggio, come indicato sulla locandina.  Pur partendo dalla storia aziendale dell’ACG, la mostra racconterà al pubblico 50 anni di grafica italiana. Il percorso espositivo, curato da Alberto Altini, narrerà una storia aziendale ed al contempo farà comprendere la fondamentale importanza che ha avuto il settore della grafica per l’intera economia nazionale (come comparto autonomo e come supporto, tramite la pubblicità, all’espansione dei grandi marchi), le connessioni con i territori ed i distretti industriali e le grandi mutazioni affrontate, sopratutto con l’avvento del computer e dei moderni programmi di progettazione digitale.  L’esposizione, che avrà luogo nella Sala Enea di Villa Litta, si integrerà con l’adiacente Museo della Stampa (curato da Adriano Anzani) e con i lavori dei ragazzi della scuola grafica del Centro Salesiano di Arese (CNOS-FAP), creando così un ideale percorso passato-presente-futuro.

 

Il ruolo dello Studio e le ragioni del nostro impegno

Lo Studio ha supportato attivamente Alberto Altini come soggetto co-organizzatore della rassegna. Abbiamo deciso di impegnarci direttamente non solo per aiutare un’azienda amica a cui ci lega un rapporto pluridecennale, ma anche con l’obiettivo di divulgare alcuni messaggi importanti: 1) la longevità di un’impresa come un valore di per sé; 2) l’importanza di comunicare la propria storia; 3) il ruolo centrale delle aziende di supporto (la grafica è supporto delle aziende che si fanno pubblicità); 4) il ruolo fondamentale dell’interconessione fra impresa e territorio.

 

Esaminiamo più attentamente questi punti, partendo dal concetto dalla longevità di un’azienda come valore di per sé.  La storicità di un impresa, infatti, può procurare vantaggi competitivi, in quanto è  un dato oggettivo su cui fondare un giudizio di affidabilità ed un  presupposto per il rafforzamento delle proprie competenze distintive. Non basta però avere una storia, bisogna che questa sia raggiungibile; occorre, quindi, comunicare questa storia. Il  mercato deve prima conoscere e poi apprezzare questo tratto unico e caratterizzante dell’heritage aziendale:  iniziative come la celebrazione dei 50esimi di vita vanno proprio in questa direzione.

Una seconda riflessione riguarda il rapporto che l’impresa ha con il territorio e con la comunità che lo abita. Nel caso dell’ACG ciò è stato particolarmente evidente nel periodo in cui ha svolto anche attività editoriale, con il giornale mensile “Attenti al Lupo”, rimasto nella memoria di tutti i lainatesi. Allargando lo sguardo,  é  noto come i cluster abbiano un ruolo di primo piano e siano decisivi per promuovere la produttività, l’innovazione  e la competitività. Nessuna azienda è un’entità a sé stante ed il successo di un’impresa è influenzato anche dalle aziende di supporto. In questo contesto, lo sviluppo della grafica ha accompagnato la crescita del nostro territorio, anche grazie ad aziende come la ACG.

Un’ultima riflessione la dedichiamo al tema della continuità aziendale. La longevità aziendale è un  valore, ma  nel contempo si presenta come una delle principali sfide da superare, considerato i tassi medi di sopravvivenza delle aziende nel passaggio dalla prima alla seconda e dalla seconda alla terza generazione. E quando la successione non è possibile in famiglia o all’interno dell’impresa, la continuità aziendale può essere assicurata unicamente dal mercato. Il processo deve essere affrontato per tempo e con responsabilità superando la diffidenza, molto diffusa tra le micro imprese, verso le operazioni di aggregazione. Diversamente il rischio é che un patrimonio di relazioni (clientela) e di  saperi vada disperso a discapito dell’impresa e della comunità.

La locandina completa con le info su orari ed evento di apertura

ACG- un pezzo di storia di Lainate e dintorni

ACG-Altini Comunicazioni Grafiche è uno studio grafico fondato nel 1972 da Arturo Altini, che ha da sempre sede a Lainate. Fin dagli albori, ACG offre ai suoi clienti idee ed applicazioni nel campo della grafica, del disegno e della fotografia, progettando loghi, campagne pubblicitarie, manifesti, cataloghi, volantini, brochure, sia in formato cartaceo che sotto forma di contenuti per web e social network. ACG, guidata da metà annI Duemila da Alberto Altini, figlio del fondatore, è una realtà particolarmente legata alla nostra comunità: con le sue campagne e i suo progetti grafici ha accompagnato lo sviluppo di tante aziende del territorio, ed è associata dai concittadini over 35 anche ad Attenti al Lupo, storico mensile dedicato a Lainate, che fu edito e diretto da Arturo Altini. Dal 1991 al 2000 Attenti al Lupo arrivava in tutte le case dei lainatesi gratuitamente (l’unico sostegno esterno erano gli sponsor) ed era contraddistinto da un marcato tratto popolare (talora anche irriverente e polemico), nettamente distante dai mensili ufficiali delle amministrazioni comunali.

Il logo del’ACG, invariato negli anni

Arturo Altini con un giovane Alberto, inizio anni Novanta

La testata del primo storico numero di Attenti al Lupo, estate 1991. La mostra ripercorrerà anche la storia di questo giornale rimasto nel cuore dei lainatesi